Ristampare un libro elettronico

Ci sono diversi vantaggi nel fare un libro elettronico anziché uno cartaceo. Chi è abituato a leggere su supporti diversi dalla carta i vantaggi li ha sotto gli occhi tutti i giorni, ma alcuni potrebbero non essere così ovvi. Per esempio, nei giorni scorsi, abbiamo ristampato Le Rivoluzioni vanno sempre storte di Luciano Marrocu. Abbiamo corretto i refusi, aggiunto delle modifiche concordate con l’autore, e da qualche giorno chi compra il libro si ritrova tra le mani la seconda edizione, senza sforzi da parte sua e senza doversene neanche accorgere. Anche chi l’ha già comprato può accedere alla seconda edizione senza doverlo ricomprare: basterà che entri nel suo profilo utente del negozio in cui l’ha comprato, trovi nell’elenco degli ordini il libro che cerca, e potrà riscaricarlo, aggiornato. Potremmo pensare alle implicazioni che questo processo potrebbe avere per i libri scolastici, per esempio, implicazioni che potrebbero non piacere alle case editrici ma essere molto utili agli utenti: per il momento ci limitiamo a gioire del fatto che Le rivoluzioni vanno sempre storte è un libro ancora più bello di prima.

Presenteremo la nuova edizione di Le rivoluzioni vanno sempre storte sabato 22 ottobre 2011, alle ore 16, a Pisa, nella sala Tienanmen del Palazzo dei Congressi, nel corso del Pisa Book Festival.